Devi traslocare? Sei nel posto giusto!

Richiedi un preventivo personalizzato a professionisti del settore

Assicurazioni per traslochi, quando servono?

Il vantaggio delle assicurazioni per i traslochi

Assicurazioni per traslochi, quando servono?

Assicurazioni per traslochi, quando servono?

Il tuo trasloco economico a Roma può essere realizzato attraverso il fai da te oppure incaricando un’impresa esperta e competente.

La differenza principale è certamente rappresentata dalla polizza assicurativa a copertura degli eventuali danni. Ogni spostamento verso la casa nuova o l’ufficio nuovo comporta alcuni rischi come lo smarrimento o peggio ancora la rottura di mobili e oggetti. Ciò non è certamente dovuto alla mancanza di cura del proprietario degli arredi e dei materiali da trasferire, ma alla poca esperienza nel maneggiare il mobilio e gli scatoloni e far fronte ai diversi incidenti che possono capitare.

L’impresa specializzata vanta personale formato e con esperienza nel gestire lo spostamento di mobili e complementi d’arredo. Non è assoluta garanzia contro la possibilità di rompere un oggetto, ma a questa eventualità si aggiunge proprio la soluzione dell’assicurazione.

Se agisci in autonomia e rompi qualcosa non hai nessuna possibilità di essere risarcito. Potresti, così, recuperare ampiamente il risparmio ottenuto all’inizio e quindi spendere di più alla fine. Sicuramente con il fai da te puoi ricorrere alla responsabilità civile della tua assicurazione sulla casa, ma la copertura potrebbe essere parziale e legata a chi ha effettivamente spostato l’oggetto per il trasloco. Se chiami un amico e lui lascia cadere, ad esempio, una lampada, potresti non recuperare il suo valore e i cocci resterebbero tali senza poter essere riassemblati.

Il problema, in questo caso, trova una spiegazione nel Codice delle obbligazioni perché il rimborso si basa sulla responsabilità di chi ha arrecato incidentalmente il danno. Non essendoci un compenso e quindi un interesse nel trasloco fai da te, si ha una responsabilità inferiore.

Questo capitolo seguito dalle assicurazioni mira comunque a tutelare chi svolge un’attività su base volontaria, purché non si verifichino casi di negligenza grave. Insomma, non mancano le opportunità di recuperare i danni, ma con la ditta di traslochi si ottiene di più, vedendosi riconosciute le rotture incorse al mobilio e ai complementi d’arredo.

Va tuttavia ricordato che non tutte le ditte operano secondo le regole e quindi per poter usufruire delle garanzie assicurative bisogna fare attenzione a ricercare la ditta giusta, verificando il rispetto dei requisiti. Non è solamente una questione di prezzo, ma bisogna cercare competenza, rispetto delle regole e ovviamente la presenza delle coperture assicurative per essere sicuri che nella malaugurata ipotesi di un incidente durante il trasloco la ditta sia in grado di rispondere del danno arrecato.

Per essere certo che l’impresa abbia la polizza assicurativa, poni una domanda precisa in merito contestualmente alla richiesta di preventivo. La ditta ha interesse a mettere in evidenza i punti di forza, mentre chi non ha le carte in regola tende a fornire risposte evasive e così si può smascherare l’azienda meno affidabile e operare una scelta consapevole.

La scelta dell’azienda di traslochi: dal curriculum all’assicurazione

Il trasloco non lo decidi all’ultimo minuto, ma hai la possibilità di fare una scelta ponderata, con largo anticipo, quindi programma al meglio ogni azione pianificando il tempo nel migliore dei modi. L’organizzazione è la parola chiave e non serve solamente per selezionare ciò che va trasferito, ma anche a individuare l’impresa di traslochi più adatta. Come fai a scegliere?

Seguendo qualche semplice consiglio:

  1. prenditi un po’ di tempo per fare un’indagine di mercato, uno o due mesi sono l’ideale per valutare le varie proposte e prenotando con anticipo potresti avere uno sconto;
  2. richiedi un preventivo che contenga i vari servizi offerti e fornisca informazioni sulle coperture assicurative previste. Non limitarti a una ditta, ma selezionane diverse per mettere a confronto le proposte;
  3. verifica l’iscrizione alla Camera di Commercio;
  4. chiedi referenze ad amici e conoscenti, ma fai attenzione al loro metro di giudizio, perché potrebbero darti indicazioni errate;
  5. fai attenzione ai prezzi, perché non basta mettere vicini i preventivi e vedere quale cifra sia più bassa. Esamina con attenzione i servizi inclusi e i parametri principali come le tariffe delle fasce chilometriche, mettendole in relazione alla quantità di oggetti da trasportare. Tieni in considerazione il volume dei colli, la facilità di accesso all’edificio e il periodo dell’anno in cui effettui il tuo trasloco;
  6. leggi attentamente il preventivo perché se la copertura assicurativa è indicata, si specifica solitamente il tipo di danni rimborsati e va tenuto presente che assicurare il valore degli oggetti trasportati è d’obbligo e permette di avere risarcimento per rotture e smarrimenti;
  7. quando fai il trasloco devi avere tempo quindi la scelta dei periodi di vacanza è solitamente la via migliore, ma durante l’estate per le imprese di traslochi è alta stagione, mentre in altri momenti dell’anno ci sono meno spostamenti e le ditte arrivano a praticare sconti fino al 15% per accaparrarsi i clienti;
  8. fai i conti del tempo necessario a spostare tutto. Generalmente se sei vicino alla destinazione, come ad esempio all’interno della stessa città, avrai bisogno di un paio di giorni, mentre se vai ad abitare fuori sarà bene mettere in conto almeno tre giorni. Vanno intesi come un giorno di imballaggio, uno di trasporto e uno di scarico. Le ditte di traslochi tendono a scegliere la notte per viaggiare perché c’è meno traffico e non si hanno difficoltà nel trovare spazio per la sosta.
  9. scegli i servizi che più ti servono, così da calibrare il costo alle tue esigenze. Le scatole, ad esempio, le puoi preparare tu oppure chiedere agli addetti dell’impresa di traslochi di farlo. Controlla che le scatole usate per riporre la biancheria siano pulite. Inoltre pensa all’aspetto assicurativo: se imballi da solo e poi si deve contestare una rottura, l’assicurazione potrebbe non pagare, mentre se lasci il compito al personale dell’impresa, la responsabilità è loro;
  10. per il trasporto ricordati che l’impresa ha mezzi adeguati, mentre la tua automobile non ha lo spazio sufficiente e aumenterebbero i rischi di danno dei beni trasportati.

L’assicurazione e il trasloco economico a Roma

Grazie alla copertura assicurativa hai la garanzia di essere risarcito in caso di danni durante il trasporto effettuato dalla ditta di traslochi, ma per avere un trasloco economico a Roma non bisogna per forza usare il fai da te, basta essere accorti nella scelta e pensare ai vantaggi nei servizi offerti. Ad esempio oltre al trasferimento dei beni dalla vecchia alla nuova abitazione potrebbe essere utile lo smaltimento mobili, affidando alla ditta l’incarico di occuparsi del mobilio usurato e non più riparabile e utilizzabile. Gli addetti potrebbero portare l’arredo alla discarica seguendo le procedure previste. Si aggiungerebbe un costo per l’operazione, ma non ci si dovrebbe preoccupare di altro se non della sistemazione degli oggetti nelle stanze della dimora.

In alternativa, se non basta lo spazio nel proprio immobile oppure se temporaneamente serve un punto d’appoggio per il mobilio, l’azienda può aiutare il cliente nell’usufruire di un deposito temporaneo come il self-storage. Si tratta di un magazzino in cui disporre di uno spazio specifico, chiuso, sorvegliato e assicurato. Il materiale riposto sarebbe messo al sicuro e sarebbe accessibile al proprietario del contenuto.

Nel caso ti serva chiedi se l’impresa è in grado di fornirti il servizio di deposito e se i locali, oltre all’assicurazione sul trasporto, siano coperti da una polizza che paga i danni per furto e incendio. Normalmente vengono stipulati contratti assicurativi in tal senso e chi usa le stanze per riporre mobili e oggetti può stare tranquillo. Se hai però materiale di grande valore, il caveaux della banca resta sempre un’ottima soluzione e chiaramente slegata dalla ditta dei traslochi.

Per avere la serenità in ogni fase del tuo trasloco prendi in considerazione le differenti tipologie di coperture: trasporti, responsabilità civile, immobiliare e mobilia domestica. Ti consentiranno di essere garantito su ogni incidente possa accadere, non solo per riparare al danno subito per la perdita o la rottura di un oggetto, ma anche per l’eventuale coinvolgimento di altre persone, come potrebbe accadere per un mobile pesante che cade sul piede di un passante mentre viene portato nella casa nuova.

L’assicurazione di mobilia domestica per i traslochi

Normalmente la polizza assicurativa mobilia domestica è un obbligo per gli inquilini perché garantisce tutti gli oggetti d’arredamento presenti all’interno dell’immobile, inclusi giardino e balconi. Tale copertura viene offerta in aggiunta alla responsabilità civile e permette di tutelare i rischi dovuti allo spostamento dei beni portati con sé dall’inquilino.

Nei casi in cui si verifichino allagamenti, incendi e furti sarai comunque salvaguardato. Non si ha quindi una sicurezza solamente al momento del trasloco, ma anche nelle fasi precedenti e successive. Infatti se si dovessero verificare incidenti e si dovesse, ad esempio, adoperare un estintore causando un danno ad un quadro, si potrebbe avere un risarcimento. Questo tipo di assicurazione ti potrebbe essere utile ed è un’ulteriore opportunità per garantire la protezione dai danni in qualsiasi situazione. Non implica una sostituzione delle assicurazioni proposte dalla ditta di traslochi, ma sarebbe complementare per le operazioni di trasferimento.

In caso si verifichino problemi si potrà verificare la situazione e decidere a quale polizza fare riferimento. Il premio da pagare alla compagnia varia in base al valore assicurato ed è personalizzabile. Periodicamente puoi apportare aggiornamenti dovuti all’acquisto di nuovi oggetti o alla sostituzione di qualche mobile, così da rapportare la copertura al valore effettivo del contenuto dell’immobile.

Devi sapere che una volta deciso il valore di ogni singolo oggetto, nei casi prestabiliti l’assicurazione paga esclusivamente la somma indicata, quindi se si decide di coprire un terzo del valore, l’importo rimborsato si atterrà a tale indicazione. Se tieni in casa gioielli o denaro contante devi fare attenzione, perché l’assicurazione pone dei limiti al rimborso, quindi si rischia di avere un risarcimento inferiore al reale valore. Dovrai consultare diverse imprese di assicurazioni e farti preparare delle offerte. Con i preventivi alla mano potrai scegliere la proposta migliore rispetto ai tuoi criteri di valutazione.

Traslocare significa affrontare dei rischi, ma li puoi limitare affidandoti a professionisti ed essendo sicuro di essere coperto nei vari casi per cui potrebbe essere danneggiato o smarrito qualche oggetto. Se oltre a scegliere un’impresa dotata di polizze per questo tipo di situazioni, sarai tu stesso a stipulare un contratto assicurativo, che potrai usare anche prima e dopo il trasloco, potrai rimanere tranquillo e concentrarti sulla preparazione del materiale da trasportare e sulla sua sistemazione nel nuovo immobile.

La prudenza non è mai troppa ed è per questa ragione che le ditte di trasporti propongono, oltre alle coperture obbligatorie, ulteriori garanzie assicurative.

Per maggiori informazioni non esitare a contattarci.

Assicurazioni per traslochi, quando servono?
5 (99.14%) 93 vote[s]

Lascia un commento

Richiedi preventivo