Devi traslocare? Sei nel posto giusto!

Richiedi un preventivo personalizzato a professionisti del settore

Ecco i consigli per cambiare casa durante i mesi più freddi

Traslocare d’inverno può essere un’impresa ma anche una soluzione da prendere in considerazione senza tante alternative. Soprattutto quando il cambio casa non è un’opzione ma una necessità: alcune persone non possono permettersi di scegliere quando fare un trasloco, se d’estate o d’inverno. Per questo bisogna solo agire e limitare i danni o i possibili contrattempi. Ad esempio?

Traslocare d'inverno

Potresti traslocare sotto la pioggia o in compagnia di un vento gelido. Ma ci possono essere anche altri imprevisti che solo un’azienda specializzata in questo settore può aiutarti a superare. Quali sono i punti che abbiamo definito nel corso degli anni? Cosa deve sapere chi decide di (o è costretto a) traslocare d’inverno? Qui trovi la checklist indispensabile per avere sempre una marcia in più.

Evita traslochi a Natale o nelle festività

È un consiglio pratico più che un vero e proprio diktat. Questa condizione riguarda, soprattutto, il periodo caotico che contraddistingue la casa: meglio evitare di aggiungere ulteriore stress. Conviene programmare un trasloco intelligente dopo le festività, quando è ormai finito. O magari qualche settimana prima in modo da far combaciare i due eventi. Ma durante è meglio evitare.

Da leggere: come fare uno sgombero di appartamento

Scegli per te i mesi meno freddi (se puoi)

Questo è un buon punto di partenza. Invece di lanciarti in epiche imprese durante febbraio e gennaio prova a spostare la fatidica data verso la primavera o l’autunno. Insomma, evita i picchi dell’inverno in base alle caratteristiche della tua regione. Pensa, ad esempio, quelle del Nord: chi deve fare un trasloco in Valle d’Aosta, in Lombardia o in Piemonte (oppure a Bologna) non può improvvisare.

Ciò può essere visto come un passaggio superfluo per chi deve organizzare un trasloco a Roma, ma se abiti in una città particolarmente fredda questo significa molto. Ad esempio puoi evitare l’operazione quando c’è maggior possibilità di dover affrontare la neve e il freddo glaciale. Senza dimenticare le interruzioni stradali, le emergenze meteo e le difficoltà che possono bloccare tutto.

Prepara subito la nuova casa d’arrivo

Chiaro, fa piacere arrivare in un’abitazione già pronta. Hai affrontato un trasloco e vuoi solo poter mettere piede in una dimora capace di accoglierti subito. Questo è ancora più importante d’inverno. Ovvero quando alcune comodità diventano indispensabili. Ad esempio i termosifoni, l’impianto di riscaldamento deve essere già pronto per attivarsi il primo giorno in cui arrivi.

Ma anche le tende devono esserci perché permettono di isolare l’ambiente. Lo stesso vale per le coperte, gli abiti pesanti e ciò che ti serve per affrontare l’inverno. Per questo assicurati di imballare nelle confezioni il necessario e e di assicurarti che alcuni pacchi arrivino a destinazione, magari in anticipo. Così puoi assicurare alla tua famiglia i primi giorni nella nuova casa con tutti i confort.

Riduci al minimo i passaggi non coperti

Ad esempio quelli in cui devi camminare o trasportare con altri mezzi meccanici le scatole senza una copertura. Perché magari in quel determinato giorno potrebbe piovere. Anzi, diluviare. Con reali problemi per le confezioni di cartone che contengono i tuoi beni che a contatto con l’acqua tendono a rovinarsi. Come, ad esempio, abiti e libri. Pianificare gli spostamenti è importante in questi casi.

Un consiglio sempre valido: assicurati di trasferire i pacchi più delicati quando non si prevede pioggia. Se puoi scegliere una giornata con previsioni clementi meglio ancora, ma se proprio quel giorno inizia a piovere aspetta il momento giusto per far uscire i cartoni. E usa le comodità messe a disposizione dall’azienda che cura il trasloco come furgoni, scale idrauliche e pedane.

Scegli le migliori scatole di cartone

Il consiglio che si può dare in questi casi è semplice: acquistare prodotti di qualità. Perché attraverso involucri degni di questo nome è possibile limitare danni. Che sono sempre in agguato, anche quando decidi di traslocare d’estate. Ma nei mesi invernali è più facile (come suggerito prima) affrontare giornate piovose che mettono a rischio l’imballaggio. Quale soluzione acquistare in questi casi?

  • Scatole di cartone a due onde.
  • Rinforzate con rivestimento kraft.

Questa combinazione dà agli imballaggi per il trasloco una certa resistenza anche di fronte all’umidità. Per assicurare il carico, comunque, conviene fare qualcosa in più. Ad esempio acquistare dei teloni di plastica per coprire i colli che devono affrontare le intemperie e proteggere gli oggetti con pluriball. Che ha il duplice compito di isolare dagli urti e dalle gocce di pioggia.

Da leggere: come traslocare un acquario

Quindi traslocare d’inverno è possibile?

Certo, molti addirittura preferiscono organizzare un trasloco professionale proprio in questi mesi. Perché magari d’estate fa troppo caldo oppure tutti partono per le vacanze e nessuno potrebbe gestire il passaggio. L’importante è sempre avere il contributo di un’azienda professionale al proprio fianco, con le persone giuste e le macchine che aiutano a traslocare in qualsiasi condizione.

Lascia un commento

Richiedi preventivoCall Now Button