Devi traslocare? Sei nel posto giusto!

Richiedi un preventivo personalizzato a professionisti del settore

Come traslocare le utenze (luce, acqua e gas) quando cambi casa

Capire come traslocare le utenze è importante quando decidi di cambiare dimora. Il motivo è semplice: una nuova casa non vuol dire rifare il contratto con le varie imprese che si occupano di fornire energia elettrica. Lo stesso vale per le attività che si occupano del gas e dell’acqua. Poi? C’è da aggiungere un punto, quello relativo al telefono e alla connessione a internet. Cosa bisogna fare?

Come traslocare le utenze (luce, acqua e gas) quando cambi casa

In molti casi è importante comunicare la nuova posizione, il luogo in cui hai deciso di vivere. Il contratto è collegato alla tua persona ma anche all’indirizzo per dare la fornitura di acqua, luce, gas, internet, telefono e qualsiasi altra fonte di energia. Tutto questo significa comunicare nei tempi giusti, con il dovuto anticipo, il cambio di residenza. In che modo muoversi? Come traslocare utenze?

Cosa fare prima di cambiare subito casa?

Quando ti chiedi come traslocare le utenze devi valutare prima questo punto con largo anticipo: la casa nuova nella quale stai per trasferirti è allacciata? Questo è il passaggio più importante perché riguarda un aspetto tecnico, vale a dire il collegamento dell’impianto alla distribuzione. Poi bisogna capire se c’è bisogno del contatore per effettuare la prima attivazione. Questo è già pronto?

Evidentemente si tratta di una casa già abitata che passa da un proprietario all’altro. Però se hai acquistato una nuova dimora e stai per entrare tra le sue mura potrebbero esserci dei problemi su questo fronte. Assicurati in primo luogo che gli impianti siano terminati e funzionanti, poi che si faccia l’allaccio e che dove necessario siano messi i contatori, i modem o altri registratori di consumo.

Da leggere: come cambiare casa nei mesi più freddi

Quanto tempo ci vuole per trasloco utenze?

Uno dei parametri essenziali per riuscire a traslocare le utenze è il tempo. Spesso è necessario da una settimana a due mesi per avere la possibilità di usare la luce e il gas nella nuova dimora, per questo devi contattare il fornitore per chiedere tempi e costi della voltura. Di cosa si tratta esattamente? Si tratta di un processo che consente di fare il cambio di intestatario di un contratto.

L’aspetto interessante della voltura: puoi mantenere le stesse condizioni del precedente inquilino o del proprietario di casa che viveva in quel luogo. Questo consente di facilitare molto il lavoro di trasloco delle utenze e c’è un passaggio senza alcun blocco della fornitura.

Cosa che, invece, si manifesta nel momento in cui c’è una condizione di subentro, ovvero quando il contatore viene disattivato dal precedente proprietario e poi riattivato con il nuovo. In entrambi i casi le operazioni sono piuttosto rapide a differenza di altre condizioni come l’allaccio e l’attivazione. Ma questi passaggi dovrebbero essere già risolti prima del tuo arrivo nella nuova casa.

Come traslocare utenze: indirizzi utili

Nella maggior parte dei casi conviene fare una voltura per gli impianti di luce e gas. Senza dimenticare l’acqua. E il telefono? Idem, si può fare qualcosa del genere ma molto dipende dalla compagnia in questi casi. Qualche consiglio in più? Ecco una serie di link utili:

Cosa serve per portare a termine l’operazione? In linea di massima è necessario documento d’identità, codice fiscale, se possibile l’autolettura e una serie di dati specifici. Come ad esempio il codice POD del contatore per la fornitura di energia elettrica oppure il PDR per il gas naturale. Ricorda che la voltura resta il modo più economico e veloce per cambiare intestatario di un contratto.

Conviene gli stessi contratti con la voltura?

Dipende. Anche se la voltura è una comoda soluzione per attivare le nuove utenze nella propria abitazione bisogna valutare qual è il contratto che era presente in passato. Magari non è sufficiente alle tue esigenze perché hai una famiglia alle spalle mentre i proprietari precedenti erano una coppia. Quindi c’è bisogno di una fornitura più conveniente su grandi volumi e consumi importanti.

Come traslocare utenze

Come traslocare utenze.

Situazione alternativa: sono contratti troppo impegnativi per la tua realtà. Quindi bisogna rivedere il contratto o comunque hai bisogno di informarti prima di accettare a occhi chiusi una voltura che potrebbe costare caro al tuo budget mensile dedicato alle utenze.

Da leggere: come traslocare un frigorifero

Come traslocare utenze e l’abitazione

Questo è un aspetto essenziale: per capire come traslocare le utenze bisogna investire tempo e risorse. Ecco perché bisogna avere un partner adeguato al proprio fianco che ti aiuti a risolvere i problemi fondamentali di questo passaggio. Non puoi pensare a tutto.

Non puoi gestire ogni aspetto come, ad esempio, al traffico da affrontare e ai furgoni necessari per trasportare la merce. Questo deve essere smistato altrove, all’attenzione di chi fa questo per mestiere. Come, ad esempio, il nostro team dedicato ai traslochi.

Lascia un commento

Richiedi preventivoCall Now Button