Devi traslocare? Sei nel posto giusto!

Richiedi un preventivo personalizzato a professionisti del settore

Cosa fare dopo il trasloco?

Facile immaginarsi la vita dopo un cambio casa? Forse, in realtà bisogna sempre valutare cosa fare dopo il trasloco perché questo passaggio può diventare difficile da organizzare. Ogni passaggio del genere deve essere affrontato con la massima lucidità possibile perché in molti casi ci possono essere anche delle ripercussioni psicologiche. A volte il trasloco viene visto come un distacco.

Cosa fare dopo il trasloco?

Non è sempre così. Ci sono anche traslochi che si concludono con un lieto fine ma è chiaro che non puoi improvvisare. Devi sempre valutare i dettagli, scegliere un buon servizio e un’azienda professionale per organizzare il trasloco in sicurezza da una dimora all’altra. Sia nella stessa città che in luoghi differenti. Ma valuta sempre questa checklist per valutare al meglio le attività che vengono dopo.

Organizza un montaggio rapido dei mobili

Qual è la situazione più odiosa per chi arriva in una nuova dimora? Trovarsi in una casa con scatole e mobili ancora smontati. Questo è un problema per chi deve organizzare casa dopo il trasloco. Perché c’è sempre qualcosa da sistemare nelle varie stanze e per ridurre i tempi (tornare alla normalità è una condizione essenziale in questi casi) bisogna attivarsi con un piano ben strutturato. Cosa significa?

Tutto si basa su un lavoro iniziale. Assicurati di consegnare i pacchi relativi alle singole zone nelle camere in cui devono essere scartati e lo stesso vale con i mobili: falli consegnare proprio dove devono essere montati. E se hai bisogno di spazio per sistemare oggetti e arredi un po’ alla volta puoi scegliere un servizio di depositi per privati: questa soluzione ti permette di gestire bene il lavoro.

Da leggere: le regole d’oro per traslocare senza problemi

Assicurati di avere tutte le utenze allacciate

Immagina. Inizi una nuova avventura nella tua nuova casa e non c’è il gas. Manca l’acqua e le luci non si accendono. Questo è solo una parte dello scenario che potrebbe presentarsi nel momento in cui decidi di cambiare indirizzo e abitazione. In realtà tutte le verifiche dovrebbero essere fatte prima ancora di iniziare il trasferimento ma una seconda verifica approfondita non guasta mai.

Anche per tutto ciò che riguarda il condominio: verifica sempre che c’è l’indirizzo giusto in mano ai fornitori di acqua, luce e gas. Inoltre fai una visita all’amministratore di condominio, al portiere e ai vicini di casa per presentarti personalmente.

Riduci i tempi della pulizia nella tua casa

Immagino che il secondo problema quando si conclude un trasloco sia questo. Hai bisogno di tempo e risorse per pulire casa dopo un trasferimento, e il consiglio di base è chiaro: devi portare a termine gran parte del lavoro prima di portare mobili e scatoloni.

Poi procedi con un processo capillare nel momento in cui monti gli arredi e posizioni gli oggetti. L’ultimo passaggio sarà quello che ti consente di chiudere la pratica. Entrare in una casa pulita è un requisito fondamentale per iniziare questa nuova avventura.

Tutela sempre i soggetti più deboli e sensibili

Non tutti hanno lo stesso grado di sopportazione nei confronti dello stress. E un trasloco può essere una fonte inesauribile di stati difficili da affrontare, un mix di emozioni e stimoli che diventa difficile da affrontare. Soprattutto per i più deboli, i bambini e gli anziani. Senza dimenticare gli animali domestici. Prenditi cura di chi deve affrontare il post-trasloco e mostra segni di debolezza.

Rendi la nuova casa accogliente e personale

Questo è uno dei problemi tipici per chi deve effettuare un trasloco e superare la fase più grave, vale a dire quella dell’adattamento. Molte persone non riescono a fare pace con il senso di abbandono rispetto alla vecchia casa ma ci sono delle tecniche che consentono di fare un passo avanti. Cosa fare dopo il trasloco quando c’è ancora un sentimento di tristezza che ti avvolge?

Semplice, cerca di arredare e caratterizzare la tua nuova dimora in modo da fare in modo che ricordi gli spazi e gli ambienti della vecchia abitazione. Per ottenere questo risultato non sono necessari grandi opere, basta avere i mobili ai quali sei affezionato o magari oggetti che in passato ornavano gli spazi. Può bastare anche un lampadario, un quadro, un ricordo dell’ultimo viaggio con la famiglia.

Da leggere: disfare gli scatoloni per l’imballaggio

Cosa fare dopo il trasloco secondo te

Questi sono consigli pratici che ti consentono di prendere subito confidenza con la nuova dimora. Ci sono passaggi pratici che determinano la messa in moto della macchina amministrativa, ma anche dei punti che si prendono cura dell’aspetto umano.

Fare un trasloco non è solo un lavoro tecnico, per questo ci siamo noi che offriamo i migliori mezzi e le competenze per il trasporto. Poi ci sono altri aspetti. Quelli che devi valutare in prima persona. Hai domande e curiosità? Ecco, questa è la tua occasione: lascia domande e interrogativi nei commenti per approfondire questo tema cruciale per chi cambia abitazione.

Lascia un commento

Richiedi preventivoCall Now Button