Devi traslocare? Sei nel posto giusto!

Richiedi un preventivo personalizzato a professionisti del settore

Dopo il trasloco: casa nuova non mi piace, cosa fare?

Capita di aspettare con ansia il momento del trasloco per cambiare dimora. I motivi di questa soluzione possono essere tanti, ma appena apri la porta ed entri nelle stanze ti rendi conto che  c’è qualcosa che non va e pensi: “casa nuova non mi piace”. Questo è un problema che all’inizio non valuti con grande importanza, pensi che prima o poi passerà questa strana sensazione di inadeguatezza.

casa nuova non mi piace

Noi che lavoriamo con i traslochi ogni giorno conosciamo le esigenze, le preoccupazioni e le necessità delle persone che cambiano casa. Per questo motivo oggi vogliamo pubblicare un articolo diverso: non la classica guida che spiega come traslocare e ottimizzare i tempi, le spese o le varie attività di quest’operazione. Bensì oggi ci prendiamo cura di chi arriva in una nuova casa e non riesce ad apprezzarla.

Datti tempo per ambientarti

Questo è il primo consiglio che possiamo dare a chi entra in una casa nuova e pensa che non riuscirà mai ad adattarsi. Non pretendere tanto dalla tua persona e da chi ti circonda: c’è ancora un legame con la vecchia casa che puoi provare a tagliare di netto. Ma non è detto che ciò riesca veramente e rapidamente. Casa nuova non mi piace, questo dici. Ma solo perché hai ancora quella vecchia in mente.

Devi tentare una strada diversa, non è sufficiente la terapia d’urto che ti porta ad abbandonare la vecchia dimora godendo del piacere di essere in una nuova casa. Accogli il tuo malessere, non negarlo. A volte il trasloco può essere un momento difficile da affrontare ma negare il problema porta solo complicazioni. Meglio mettere subito il problema sul tavolo, e condividerlo con la tua famiglia.

Da leggere: perché scegliere il trasloco con deposito?

Un ricordo della vecchia casa

Questo è un punto molto importante. Spesso il problema di chi continua a sottolineare che la nuova casa non piace riguarda l’incapacità di scoprire che, in fin dei conti, c’è qualcosa da vivere e scoprire nella vecchia abitazione. Che non vuoi lasciare del tutto.

Il legame con il passato non è del tutto perso. Ecco perché può essere utile avere nella nuova abitazione qualcosa che ricordi i luoghi vissuti in precedenza. Basta un quadro, un armadio o una poltrona. Magari un dettaglio. L’importante è ricreare un legame.

Arreda in base ai gusti personali

Questo può essere un punto di partenza per evitare che tu, entrando nella nuova dimora, pensi di cambiare tutto. Casa nuova non mi piace, perché l’ho arredata in questo modo? Chi può dirlo, è tutto nelle tue mani. Per questo devi seguire il tuo istinto e, soprattutto, gusti personali. Da concertare con le altre persone che vivono nella tua casa. Devi curarti del benessere di tutti, anche dei figli.

casa nuova non mi piace

Per raggiungere quest’obiettivo non sempre basta avere a disposizione l’intero catalogo IKEA o le abilità di un esperto falegname al tuo fianco. Spesso c’è bisogno di una figura particolare, quella dell’interior designer. Vale a dire una persona in grado di trasformare in realtà i tuoi desideri e tutto ciò che per te rappresenta una buona idea di casa da vivere e abitare insieme alle persone della tua famiglia.

Asseconda piccoli cambiamenti

Vero, ci possono essere condizioni che ti portano a pensare proprio questo: casa nuova non mi piace. Ma non è detto che debba esserci un continuo rifiuto delle tue richieste e necessità. A volte può essere utile assecondare le tue esigenze, il tuo essere esigente nei confronti di una piccola modifica alla nuova dimora. Ad esempio puoi cambiare colore delle mura o qualche elemento dell’arrendamento interno.

Chiaramente non è corretto pensare di poter rivoluzionare in continuazione i connotati della tua casa. Questo potrebbe essere sinonimo di un problema differente e puoi influenzare negativamente anche l’equilibrio, il benessere del tuo nucleo familiare. Assecondare una piccola esigenza può essere importante per rendere la tua vita nella nuova casa ancora più semplice e immediata.

Da leggere: quali sono le pratiche burocratiche per il trasloco?

Però casa nuova non mi piace

Capita soprattutto quando non c’è un tempo utile per prendere confidenza con l’idea che si dovrà cambiare abitazione, per un motivo o per un altro. Spesso questa condizione si riferisce a un vero e proprio trauma perché non sempre il trasloco è un passaggio voluto. A volte è necessario e si impone a causa di condizioni imposte. Per questo è utile prendersi del tempo anche prima di spostarsi.

Se è vero che hai bisogno di mesi per abituarti, possiamo dire che anche la fase che precede il trasloco vero e proprio può essere un po’ più lunga. Cambiare casa in fretta e furia può essere il vero trauma, accompagna questo processo con visite alla nuova abitazione e prenditi cura dei lavori per renderla adeguata alle tue esigenze. Insomma, prima di entrare nella nuova casa devi curare questa relazione.

Che è sempre difficile imporre. Tu, ad esempio, hai avuto problemi su questo fronte? Come hai superato il problema di fronte al rifiuto di vivere in una casa nuova? Lascia nei commenti la tua opinione e aiutaci a lavorare meglio anche su questo fronte.

Lascia un commento

Richiedi preventivoCall Now Button