Devi traslocare? Sei nel posto giusto!

Richiedi un preventivo personalizzato a professionisti del settore

Conviene traslocare d’estate?

Secondo te traslocare d’estate può essere un’idea vincente? Ci sono persone che nei mesi estivi – giugno, luglio e agosto – staccano completamente la spina e rimandano a settembre. Meglio ottobre. In questo modo bypassano le attività più onerose nei giorni di massima sofferenza per chi odia il caldo. In effetti l’estate, soprattutto nelle grandi città, sembra essere fatta per andare in vacanza.

traslocare d'estate

E non per organizzare traslochi fai da te. Ma c’è da aggiungere un dettaglio non irrilevante: il tempo libero. Quando sei in ferie puoi gestire con maggior semplicità operazioni come quelle chiamate in causa da un trasferimento, senza dimenticare che con un’azienda specializzata al tuo fianco non devi fare tutto da solo. In pochi giorni hai risolto. Allora, quali sono gli aspetti da valutare?

Da leggere: cosa fare il giorno che precede il trasloco

Vantaggi del traslocare d’estate

Iniziamo con gli aspetti positivi: meglio organizzare un trasloco d’inverno o durante i mesi più caldi? C’è un’ampia fetta di clienti che preferisce quest’ultima opzione. Il motivo? Non è possibile sintetizzare in un’unica voce, ci sono diverse realtà che spingono verso il trasloco d’estate. Ecco una serie di variabili che dovrebbero convincere anche il più scettico amante dei lavori dei mesi freddi.

Il clima non è un impedimento

Certo, fa caldo. Ma questo passaggio può essere affrontato in modo intelligente e (nella peggiore delle ipotesi) sopportato con tanta pazienza. Hai già provato a fare un trasloco quando piove? Tutto diventa più difficile e perfino pericoloso. Puoi danneggiare il condominio a causa di superfici scivolose e rovinare oggetti, scatole, imballaggi. Nei casi peggiori si sospende il trasloco. D’estate questo non succede. Ti ripeto, può essere difficile sopportare il caldo ma si procede sempre: in poco tempo il trasloco inizia e si conclude.

Puoi sfruttare tempi morti

Ho già accennato questo punto: durante le ferie hai più possibilità di curare i dettagli. Non è il modo migliore per passare i giorni liberi ma c’è un punto da sottolineare: se prenoti un trasloco professionale con un’azienda che ha esperienza puoi risolvere in poco tempo. Molto dipende dalla grandezza della casa ma per i piccoli traslochi, ad esempio, noi riusciamo a intervenire in 12 ore dalla chiamata.

Sai cosa significa questo? Segui le procedure del trasloco, sistemi le scatole nella nuova casa e parti per le ferie con un pensiero in meno. Non ci vuole molto tempo per il tuo trasloco, soprattutto se hai seguito la checklist delle operazioni da seguire nei mesi e nelle settimane che precedono il fatidico giorno. Ad esempio, hai già preparato le scatole? E hai organizzato eventuali lavori di smaltimento mobili? Ricorda che cantine e soffitte richiedono sempre un po’ di tempo in più per il trasloco quindi conviene anticiparsi.

Una delle tecniche migliori per ridurre i tempi del trasloco e iniziare già prima a snellire il trasferimento: prepara i pacchi con cambi di stagione e oggetti che non usi sempre. Così le operazioni nel giorno del trasloco saranno ridotte al minimo.

Traslocare d’estate in azienda

Il discorso dei tempi morti riguarda anche le realtà aziendali. Anzi, se non hai fretta puoi aspettare proprio il momento in cui molti dipendenti vanno in ferie per traslocare. Difficile trovare un ufficio che viene completamente abbandonato e spopolato, ma di sicuro ad agosto ci sarà meno personale in sede. E richieste ridotte da parte dei clienti. Quindi può essere un buon momento per il trasloco uffici.

Poco traffico in città

Un vantaggio secondario che non sempre viene rispettato. Ma può essere interessante valutare questo punto: nei mesi estivi c’è meno traffico in linea di massima. Ciò significa un trasporto più snello da un punto all’altro. E magari hai anche un numero inferiore di intoppi se devi montare pedane idrauliche e scale per traslochi in strada. Dai poco fastidio, le operazioni si semplificano, il tempo si riduce.

Svantaggi di un trasloco estivo

In realtà i lati negativi sono già stati elencati e riguardano il rovescio della medaglia di quanto detto. Una giornata invernale baciata dal sole è perfetta per il trasloco se la confronti con i caldi pomeriggi di agosto. C’è da aggiungere un aspetto strategico che può fare la differenza e diventare uno svantaggio quando vuoi traslocare d’estate: la congestione di richieste di trasferimenti.

Svantaggi di un trasloco estivo

Perché molte persone lavorano su questo punto: preferiscono traslocare nei mesi estivi proprio per i punti appena elencati. Quindi corri il rischio di non trovare disponibilità, perché magari in quel giorno preciso ci sono già molte richieste. Quindi, se hai deciso di traslocare nei mesi estivi conviene preparare già le scatole. E, soprattutto, prenotare già il giorno presso l’azienda che preferisci.

Da leggere: come gestire i mobili durante il trasloco?

Quindi vuoi traslocare d’estate?

D’estate o d’inverno? Secondo te qual è il momento migliore per abbandonare la vecchia dimora e trasferirsi nella nuova? In questo articolo lasciamo una serie di consigli relativi a un periodo dell’anno caratterizzato da temperature alte e, spesso, più tempo a disposizione. Senza dimenticare città semivuote che facilitano le operazioni. Tu quando preferisci traslocare? Forse in primavera?

Conviene traslocare d’estate?
5 (100%) 1 vote[s]

Lascia un commento

Richiedi preventivo