Devi traslocare? Sei nel posto giusto!

Richiedi un preventivo personalizzato a professionisti del settore

Come traslocare al tempo del Coronavirus

Trasloco e Coronavirus, quali sono i punti da mettere in evidenza? Possiamo traslocare anche oggi che il COVID-19 ha imposto regole e vincoli importanti sulla mobilità? La fase 2 ci permette di traslocare a norma di legge? Ci sono problemi per la sicurezza personale? Queste e altre domande arrivano oggi all’attenzione di chi offre un servizio di traslochi professionali a Roma e in ogni altra città d’Italia.

Trasloco e Coronavirus

Questo perché il nuovo Coronavirus ha rivoluzionato le nostre vite. La pandemia ha imposto un lockdown che ha bloccato diverse attività ed è normale pensare a questa situazione in termini di blocco, impedimento. Difficile fare un trasferimento in questi casi, trasloco e Coronavirus sono concetti difficili da conciliare. Eppure  noi – come tante altre aziende professionali – ci siamo. In che modo?

Sicurezza e stato di salute dei dipendenti

Il primo passo definito è stato quello relativo alla certificazione dello stato di salute per quanto concerne i nostri collaboratori. Tutte le persone che fanno parte della squadra di trasloco devo confermare lo stato di buona salute con una verifica tramite termoscanner. Si seguono le indicazioni ufficiali che impongono di rimanere a casa se si superano i 37.5 gradi. Questo vale anche per i clienti.

Certificazioni, trasloco e Coronavirus

La situazione cambia di continuo ma è nostro compito essere aggiornati. Prima di iniziare il trasloco è importante avere la giusta autocertificazione compilata e valida. In modo da evitare problemi durante un eventuale controllo da parte delle forze dell’ordine.

Rispetto dei punti fermi suggeriti dalla scienza

Ormai abbiamo imparato la combinazione che consente di tutelarci dal COVID-19. Anche nel rapporto tra trasloco e Coronavirus c’è bisogno di rispettare quello che  è stato più volte ricordato da tutti gli organi che si prendono cura della salute e della sicurezza.

Basti pensare alle raccomandazioni dell’Istituto Superiore di Sanità per avere un’idea. Rispetto a traslochi e Coronavirus la nostra scelta risponde a punti concreti – legati a indicazioni ufficiali – che permettono di avere sempre il polso della situazione:

  • Distanza di almeno un metro durante tutte le fasi del trasloco, anche carico e scarico.
  • Presenza dei presidi individuali di protezione, come mascherine e guanti.
  • Uso di gel a base alcolica e lavaggi frequenti delle mani durante il trasloco.
  • Evitare qualsiasi contatto, strette di mano o saluti ravvicinati tra le persone.

Ovviamente a tutto questo si aggiunge la necessità di starnutire e tossire solo coprendosi il viso con fazzoletti monouso o, in alternativa, nel gomito. A tutti è esteso l’invito a non toccarsi il viso (nasi, occhi, bocca) con le mani sporche.

Quante persone possono essere presenti?

Questo è un concetto chiaro: bisogna evitare gli assembramenti. Questo significa che si lavora in sicurezza quando ci sono spazi e distanziamento sociale. Ecco perché durante il trasloco è ammesso un solo componente della famiglia per accompagnare lo staff durante le varie operazioni. La sicurezza non è mai troppa, per questo cerchiamo di limitare il numero di persone durante il lavoro.

Sanificazione minuziosa per ogni trasloco

Ultimo passaggio collegato a trasloco e Coronavirus (SARS-CoV-2): la sanificazione di tutto ciò che è stato usato per spostare mobili, pacchi e oggetti. Concluse le operazioni, è nostro compito l’opera di disinfezione per vetture, autoscale, furgoni e attrezzatura varia.

Questo è importante per la salute dei dipendenti e dei clienti. Inoltre abbiamo una partnership con un’azienda specializzata in disinfezione, ed è per questo che offriamo anche il servizio di sanificazione certificata a termine del servizio, incluso l’ascensore e l’abitazione.

Traslochi, noi non ci siamo mai fermati

Grazie alla nostra professionalità – pari a quella di tante altre aziende, è giusto ricordarlo – l’attività di traslochi a Roma e in Italia non si è mai fermata definitivamente. Le raccomandazioni ministeriali contro il COVID-19 hanno imposto tanta prudenza, limitando i trasferimenti e cercando di favorire prima quelli indispensabili. Perché non sempre si può rimandare un trasloco di casa o azienda.

Ora che le misure sono meno restrittive e la Fase 2 del lockdown dà maggiori libertà siamo pronti a continuare la nostra attività rientrando nei ritmi standard. Senza mai dimenticare le norme imposte per la nostra sicurezza e quella dei nostri clienti.

Lascia un commento

Richiedi preventivoCall Now Button