Devi traslocare? Sei nel posto giusto!

Richiedi un preventivo personalizzato a professionisti del settore

Come fare un trasloco con bambini

Il trasloco con bambini è un’avventura che può mettere alla prova ogni buona intenzione. Perché il trasferimento è già un momento delicato per mille motivi, e quando devi affrontare queste difficoltà con un piccolo diventa difficile, complesso.

trasloco con bambini

Perché i bambini sono sensibili a questi attimi di instabilità, non è difficile registrare ricadute e istanti complessi da gestire. Ad esempio potrebbero esserci effetti collaterali, addirittura dei traumi da elaborare nel tempo. Però tu puoi fare molto per rendere ogni cosa semplice e facile da affrontare. Anche quando cambi completamente vita (lavoro, città, amicizie).

Che sia un trasloco piccolo o grande non fa differenza: il trasferimento con bambini è sempre un passaggio da affrontare con estrema cura. Qualche dettaglio per muoverti nel miglior modo possibile? Ecco ciò che devi sapere per attivarti con attenzione.

Per approfondire: organizzare casa dopo il trasferimento

Coinvolgere i bambini in ciò che succede

Di certo uno dei punti importanti per migliorare il risultato del tuo trasloco. Prima di pensare agli aspetti pratici di quest’operazione assicurati che ci sia una condivisione del momento. Se possibile, soprattutto se il bambino è abbastanza grande, coinvolgilo.

L’aspetto decisionale è molto importante: condividi la necessità di cambiare abitazione e appartamento senza far cadere l’evento all’improvviso. Ovviamente, però, molto dipende dall’età. Qualche consiglio? Continua a leggere per approfondire questo argomento.

Trasloco con bambino più piccolo di 2 anni

Un trasferimento di abitazione con un figlio di età inferiore ai 32 mesi ha sicuramente dei vantaggi, dato che non ha ancora coscienza completa di ciò che avviene intorno a sé. Ma è vero che ci sono altri problemi da superare perché è completamente dipendente dagli adulti. Che sono impegnati in mille faccende, come organizzare casa dopo il trasloco. Quindi potrebbe essere una buona soluzione affidare i bambini piccoli ad alcuni parenti, ai nonni o comunque a persone che possono rassicurare gli animi.

Traslocare con bambini più grandi di 6 anni

In questo caso la comprensione di ciò che succede è da prendere con la massima cura e attenzione. Non puoi ignorare il fatto che il coinvolgimento deve essere massimo, ma qui è giusto interagire in modo completo chiedendo cosa ne pensa di determinate scelte, come quelle relative alla cameretta o ai mobili. Trova forme espressive per far emergere i sentimenti, tipo il disegno o la musica.

Prepara il pacco degli oggetti del cuore

Il trasloco non deve essere per forza doloroso. Coinvolgi i bambini decidendo cosa portare nella nuova casa, visitarla prima di passare definitivamente in questo nuovo universo e organizzare una scatola con gli oggetti del cuore che verranno trasferiti. Ovviamente ricorda di preparare e imballare la scatola al meglio, evitando incidenti e danni di qualsiasi tipo.

Ecco, preparare la confezione scrivendo l’etichetta da applicare sopra per evitare che si perda o si confonda con altri colli: questo può essere un buon modo per lavorare insieme al bambino ed elaborare lo spostamento da una casa all’altra.

Metti in evidenza i vantaggi del trasloco

Puoi comunicare la decisione in occasione di un evento piacevole, come una cena o una festa. Magari una gita con la famiglia. Ed esaltare i punti positivi di questa scelta: puoi mettere in evidenza che ci sarà un giardino più grande o maggior spazio per la cameretta. Non sempre è facile trovare aspetti importanti e piacevoli, ma il consiglio è questo: dai luce a ciò che fa la differenza.

Velocità del trasferimento con i bambini

Rispetta i tempi necessari per prendere confidenza con questo momento, ma al tempo stesso evita stress inutili alle persone che ti stanno intorno. La rapidità del trasloco può essere un vantaggio per evitare snodi inutili e difficili da affrontare.

trasloco bambino piccolo

Ecco perché può essere utile avere un’azienda professionale al tuo fianco che ti aiuti in questo momento. Così puoi dedicare tempo ai figli, ai nipoti, ai piccoli: se c’è qualcuno che cura il trasloco al posto tuo (organizzando il trasporto delle scatole e definendo gli step delicati) puoi fare in modo che nulla venga lasciato al caso. Soprattutto il trasloco con bambini.

Riprendere le abitudini dopo il passaggio

Uno dei metodi migliori per aiutare e semplificare il trasloco con bambini? Ricominciare con la vita regolare. Tempi, ritmi, pasti, cene, appuntamenti con gli amici: rimettere in piedi la quotidianità aiuta a ricominciare in una nuova casa. In particolare quando lo spostamento può essere duro. Il bambino non riesce ad adattarsi? Qualche consiglio:

  • Lasciare la luce accesa di notte.
  • Organizzare una festa con gli amici a casa.

Uno psicologo specializzato nel lavoro con i bambini può essere la persona giusta per aiutarti, ma prima devi ricordare questo punto: i piccoli assorbono le emozioni, quindi devi essere il primo a trasmettere sicurezza e positività. Fasi concitate e agitazioni non fanno bene alla condizione del trasloco per i bambini. Quindi avere un valido aiuto per organizzare il movimento da una casa all’altra è utile per ridurre lo stress per i piccini. Ma anche per gli adulti che possono portare a termine il lavoro.

Per approfondire: traslocare con gli animali domestici

Trasloco con bambini: conosci altri dettagli?

Questi sono i consigli indispensabili per traslocare con i piccoli, con bambini di 2 anni o meno. Però c’è sempre qualcosa da aggiungere in questi casi. L’esperienza del singolo può fare molto per dare nuovi stimoli a ciò che fai, per migliorare l’attività di chi ha deciso di cambiare casa. Allora, tu come hai organizzato il tuo trasloco con i bambini? Lascia la tua opinione nei commenti.

Come fare un trasloco con bambini
4.9 (98.75%) 16 vote[s]

Lascia un commento

Richiedi preventivo