Devi traslocare? Sei nel posto giusto!

Richiedi un preventivo personalizzato a professionisti del settore

Come, quando e perché rimandare un trasloco

Rimandare un trasloco, in molti casi, può essere una buona idea per evitare grattacapi e problemi di varia natura. Ma non sempre è possibile e spesso non è neanche la soluzione più conveniente. Perché ciò significa allungare, spesso in modo del tutto incontrollato, tempi e impegni necessari per ottenere il risultato tanto atteso. Vale a dire cambiare abitazione ed entrare in quella casa nuova.

rimandare un trasloco

Spesso, però, non è così. Infatti rimandare un trasloco in alcuni casi vuol dire assecondare un ritardo sulla tabella di marcia. Non hai organizzato il passaggio, la nuova dimora non è ancora pronta e i lavori non sono finiti. Quando conviene aspettare? Quando, invece, è il momento di mettere da parte gli indugi? Ecco una piccola guida che ti consente di mettere a fuoco l’idea di aspettare ancora un po’.

Perché rimandare il trasloco di casa

Ci possono essere decine di motivazioni che possono spingere un proprietario di casa ad annullare un trasferimento, anche all’ultimo momento può emergere un evento. Questo avviene, ad esempio, quando i lavori di ristrutturazione della casa non sono terminati. Rimandare un trasloco a volte non fa parte delle proprie scelte e delle decisioni individuali del singolo.

Gli operai avevano già deciso la data di consegna ma all’improvviso qualcosa è andato storto. Magari proprio nella fase finale, quando si stavano montando gli ultimi infissi o i mobili che hai deciso di rinnovare. In questo caso, però, si tratta di aspetta qualche giorno, al massimo una settimana. Al massimo devi rivedere gli accordi con il deposito mobili per lasciare gli arredi qualche giorno in più.

Da leggere: come scegliere un’azienda per il trasloco

Vale lo stesso per gli uffici?

Anche in questo caso può capitare di dover rivedere la data del trasloco finale. Anche se si tratta di un’opzione meno frequente perché, in linea di massima, le aziende sono focalizzate sul risultato e hanno degli impegni da rispettare. Di conseguenza organizzano con maggior attenzione ogni passaggio necessario a spostare la sede degli uffici. In modo da limitare stress e problemi per clienti e fornitori.

In linea di massima, però, si cerca di evitare disservizi in modo da ridurre le possibilità di rimandare il trasloco aziendale. C’è anche l’opzione di ridurre i tempi in modo da lavorare appena chiudono gli uffici, il venerdì pomeriggio, e continuare per il fine settimana.

Perché non rimandare il trasloco?

Tanti possono essere i motivi per rinunciare a un trasloco ma, in alcuni casi, bisogna procedere. Basti pensare al fatto che i traslochi durante il lockdown del COVID-19 non si sono fermati, perché considerati un’attività essenziale per alcune persone o nuclei familiari.

Come, ad esempio, nel momento in cui scade un contratto di locazione. Quindi può essere opportuno prendere in considerazione l’idea di non rimandare il trasloco per motivi non impellenti e sostanziali. A volte si tende a rimandare di continuo per paura, stress, voglia di rimanere legati alla vecchia abitazione (il distacco non è mai facile) ma una volta mosso il primo passo tutto sarà più semplice.

Come rimandare il trasloco di casa

Ok, hai chiarito un punto: non puoi traslocare e hai bisogno di tempo. Magari si tratta di rimandare il trasloco di qualche giorno o settimana, in altri casi il cambio riguarda addirittura mesi. Cosa fare in questi casi? Contattare il prima possibile l’azienda che hai scelto per effettuare il trasloco. In linea di massima si cerca di essere flessibili e di adeguare il servizio in base alle singole esigenze.

Soprattutto se si deve rimandare il trasloco della tua attuale dimora per causa di forza maggiore. Ma di sicuro è importante aggiornare il prima possibile chi ha organizzato il lavoro, magari avvisando prima ancora di prenotare il trasloco quest’eventualità. Vale a dire la possibilità di dover rinviare il trasloco: non sempre è possibile prevedere questo punto, ma quando possibile è giusto avvisare.

Da leggere: quanto costa un trasloco nazionale?

Domanda prima di prenotare il trasloco

Rimandare un trasloco è motivo di stress per chi deve cambiare casa, devi fissare subito una data ma è giusto farlo solo dopo aver preso coscienza delle proprie necessità. Meglio evitare incertezze e concordare da subito possibili slittamenti insieme all’azienda che deve occuparsene. In modo da avere subito un piano per organizzare furgoni, pedane idrauliche, scale e tutto ciò che serve.

Lascia un commento

Richiedi preventivoCall Now Button