Devi traslocare? Sei nel posto giusto!

Richiedi un preventivo personalizzato a professionisti del settore

Come traslocare in una casa più piccola

Ecco una delle situazioni tipiche che affrontiamo spesso con i nostri clienti: cambiare numero dei metri quadri e passare in un’abitazione differente. Come traslocare in una casa più piccola? Quali sono i passaggi da affrontare per ottimizzare una situazione simile?

Come traslocare in una casa più piccola

Non è una condizione così strana, spesso si fa una vera e propria opera di downsizing. Vale a dire si sceglie di ridurre gli spazi a disposizione per motivi che possono essere ben diversi. Ad esempio i figli lasciano il tetto familiare e all’improvviso la casa diventa troppo grande. Oppure si decide di passare a un’abitazione più piccola con spese diverse. Sicuramente minori e semplici da affrontare.

Ma quali sono i consigli per chi decide di lavorare in questa direzione? Come traslocare in una casa più piccola e organizzare un trasferimento adatto alla tua attività? Vivere in una dimora troppo grande non è semplice, i costi possono essere eccessivi e le spese impegnative: ecco come individuare i punti che ti permetteranno di fare un downsizing di abitazione adeguato alle tue necessità.

Da leggere: danni al condominio dopo trasloco

Prendi confidenza con quest’idea

Il primo passo da fare è semplice: inizia a lavorare sul concetto. Non è semplice cambiare casa ed è ancora più difficile farlo se cambi completamente abitudini, spazi e stili di vita. Una casa più piccola viene scelta per diversi motivi, spesso non piacevoli. Il downsizing non è sempre una scelta volontaria: fai dei sopralluoghi nella nuova casa insieme alla tua famiglia, affronta l’argomento con chiarezza.

Scegli cosa dovrà andare nella nuova casa

Sarà un appartamento? Un’abitazione accogliente e più piccola della precedente? Allora hai bisogno di un’opera chiara di organizzazione di ciò che dovrà essere portato da un capo all’altro della città o del paese. Inutile fare un trasloco grande e impegnativo se la metà dei mobili non potrà essere neanche montato nella nuova abitazione. Quindi la selezione deve avvenire a monte.

La fase organizzativa è fondamentale per un trasporto di questo tipo. Perché devi valutare con cura cosa portare e cosa no. Da quest’operazione nasce anche il passaggio utile all’acquisto delle scatole di cartone per il trasloco, in modo che puoi definire con cura certosina quantità e dimensioni. Spesso si parla dei possibili costi nascosti del trasloco: quelli che devi sostenere per confezioni inutilizzate sono un esempio tipico. Solo con una buona pianificazione puoi far quadrare i conti e limitare spese inutili.

Butta tutto ciò che non serve nella nuova

Il secondo passaggio, il più importante per avere ciò che serve nella tua pianificazione e organizzazione del trasloco. Dopo aver creato una mappa della nuova casa, e aver scelto ciò che deve essere portato, adesso devi buttare ciò che non serve. Liberarsi delle cose vecchie e che non servono può essere la chiave del lavoro. Ma come svolgere il tutto? Con i servizi di smaltimento mobili, è chiaro.

Grazie a queste soluzioni puoi liberarti di ciò che non serve in tempi minimi, semplicemente preparando ciò che deve essere mandato in discarica. Poi saranno i facchini e gli operai a prendersi carico del lavoro per trasportare tutto nei punti di raccolta, seguendo le regole della differenziata. Come traslocare in una casa più piccola? Lasciare indietro ciò che non serve è un passaggio decisivo.

Prendi un deposito temporaneo per la merce

Non è facile affrontare un’operazione così netta e radicale. Spesso le persone hanno un vero e proprio problema ad allontanarsi dai propri beni e da ciò che ha usato ogni giorno per tanti anni. Anche se non vuoi condire il trasloco con sentimenti così profondi può essere vero un altro punto: non sai se quell’oggetto ti servirà ancora, se un mobile può essere buttato o meno. Le incertezze non mancano mai.

trasloco casa piccola

Sei pronto per cambiare abitudini?

Ecco perché è utile prenotare un deposito. In questo modo puoi mantenere i tuoi averi per un tempo più o meno lungo, comunque per un periodo utile a capire se devi tornare sui tuoi passi o meno. In una fase di trasloco può esserci un momento di incertezza, passare da una casa grande che offre massima disponibilità di spazi a una più piccola può essere un problema. Il deposito risolve e dà tempo.

Scegli un trasloco adatto alle tue esigenze

Sai qual è il problema in questi casi? Si confonde l’entità del trasloco con il tempo necessario per organizzarlo. L’idea di dover passare in una casa più piccola annebbia la valutazione e si pensa di poter scegliere una soluzione a basso prezzo. Perché c’è meno lavoro da svolgere. In realtà non è sempre così perché c’è comunque una casa da svuotare e una selezione da fare per portare tutto ciò che serve.

Ovviamente limitando i danni ed evitando che alla fine dell’operazione si debbano contare perdite tra vasi e oggetti dal valore più o meno chiaro. Quindi, vale la pena affidarsi a un trasloco completamente improvvisato? Le aziende che si occupano di questo servizio  – come la nostra – possono consigliare al meglio dopo aver fatto un sopralluogo e aver ascoltato le tue esigenze principali.

Da leggere: come gestire i mobili durante il trasloco?

Come traslocare in una casa più piccola

Passare da una grande dimora a un appartamento, per molti, può essere un passaggio liberatorio. Per altri un momento triste oppure una semplice conseguenza di una condizione legata alla propria vita. In ogni caso le operazioni devono essere svolte in modo da ottenere un risultato degno di questo nome. Sempre professionale e puntuale, anche quando si tratta di fare un piccolo trasloco fai da te.

Valutazione

Lascia un commento

Richiedi preventivo