Devi traslocare? Sei nel posto giusto!

Richiedi un preventivo personalizzato a professionisti del settore

Come evitare i danni di un trasloco nel condominio?

Danni del trasloco nel condominio: possono capitare, sai? Soprattutto quando devi trasferire mobili e grandi oggetti ingombranti. Come, ad esempio, una cassapanca o un frigorifero. Quando decidi di traslocare e non vuoi perdere gli arredi che magari hai comprato da poco è normale voler portare tutto nella tua nuova dimora. Ma questo vuol dire fare grande attenzione a tutti i passaggi.

Danni del trasloco nel condominio

Perché non solo rischi di rovinare i tuoi averi ma puoi provocare anche dei danni in condominio. E questo non è il massimo, sia per quello che stai lasciando che per il nuovo complesso che ospita la tua casa. Ecco perché hai bisogno di una piccola guida che ti aiuti a muovere i passi essenziali per ottenere i migliori risultati possibili. Soprattutto per limitare i problemi alla proprietà altrui.

Da leggere: come scegliere gli imballaggi per il trasloco

Chi è responsabile dei danni nel condominio?

Ovviamente di chi li fa e non c’è scusante su questo punto. Secondo l’art 2049 del codice civile: “I padroni e i committenti sono responsabili per i danni arrecati dal fatto illecito dei loro domestici e commessi nell’esercizio delle incombenze a cui sono adibiti”.

I punti essenziali della legge sono abbastanza chiari. Quindi la responsabilità non è solo tua ma anche delle persone che lavorano per conto tuo, un motivo in più per scegliere una ditta professionale in questo settore quando si effettua un trasloco.

Pianifica e valuta le azioni da mettere in pratica

Il primo consiglio utile per chi vuole fare un trasloco fai da te senza danneggiare i muri e le scale del condominio: cerca di identificare l’entità dell’opera. Non è per tutti, non sempre è possibile svolgere tutte le operazioni in autonomia. Ma per capire se effettivamente hai la possibilità di operare con le tue forze devi analizzare la situazione e capire quanti e quali oggetti traslocare.

Tutto questo deve essere messo in relazione con la posizione del tuo appartamento: piano terra o ultimo? Quante scale ci sono? Che modello? C’è spazio per muovere e portare merce dalla tua casa al furgone per il trasloco? Queste sono le domande che devi porti nel momento in cui organizzi un passaggio di casa e pianifichi gli step per portare a termine il lavoro necessario.

Hai avvisato il portiere del condominio?

Primo consiglio per evitare intralci e danni del trasloco nel condominio: chiedere la collaborazione dei vicini e del portiere. In questo modo puoi ridurre i disagi a chi ti sta intorno ma, soprattutto, puoi avere il contributo di chi si trova nella tuo stesso palazzo. La persona che gestisce e ha la responsabilità degli spazi può mettere a disposizione le sue competenze per agevolare l’operazione.

Questo vale per il condomino di partenza e quello di arrivo. Non esiste la possibilità di danneggiare solo uno dei due, quindi nella checklist delle cose da fare prima del trasloco devi appuntare anche questo passaggio. Vale a dire l’avviso – con un certo anticipo, prima di avviare le operazioni di trasferimento – dei responsabili e di chi condivide gli spazi necessari alla merce.

Smonta i mobili e gli oggetti più grandi

Nella maggior parte dei casi i problemi si manifestano con gli elementi più ingombranti. Non è facile fare un trasloco con cassapanche montate, tavoli con le gambe e cristalliere con ante. La prima regola: svuotare tutti i mobili per alleggerire. Poi si devono smontare per renderli ancora più snelli e facili da trasportare, far scendere dalle scale e arrivare al piano terra. Dove ti aspetta il furgone.

Come organizzare casa dopo un trasloco

Lo smontaggio mobili è una fase delicata di ogni trasloco. Perché se dimentichi qualcosa sarà impossibile rimontare una volta arrivato nella nuova casa. Quindi devi archiviare viti, bulloni, spessori e rondelle. Poi è necessario imballare per fare in modo che le varie sezioni non si rovinino nel trasporto. Ma se tutto questo non basta per scendere i piani senza rovinare muri e porte dei vicini?

Portali a destinazione con gli strumenti giusti

Vuoi evitare i danni del trasloco nel condominio? C’è una soluzione ideale che non può essere ignorata: hai bisogno di un servizio professionale. Quindi lascerai che siano persone con strumenti specifici per smontare e imballare i mobili, ma soprattutto per trasportare gli oggetti ingombranti dal piano in cui si trovano fino a quello di destinazione. Uno snodo decisivo, vero?

La realtà è proprio questa: non puoi fare a meno di pedane idrauliche, carrelli elevatori e scale per traslochi. Spesso queste attrezzature rappresentano l’unica soluzione per smuovere elementi impossibili da portare al piano terra. Senza dimenticare tutti i pezzi che devono essere portati in discarica: lo smaltimento mobili diventa un altro problema se non hai a disposizione le risorse necessarie.

I danni del trasloco nel condominio si limitano al massimo quando gli step sono eseguiti a regola d’arte da chi conosce bene tutti i passaggi per smontare, spostare e trasportare gli oggetti voluminosi. Poi c’è il contributo delle scale idrauliche che raggiungono le finestre di casa e permettono di far scendere comodamente ciò che serve. E anche i mobili che devono essere smaltiti.

Da leggere: fare un trasferimento in sicurezza, in che modo?

Come evitare danni del trasloco nel condominio

In questo articolo ci sono una serie di consigli indispensabili per lavorare su questo punto: limitare i problemi con il tuo condominio e schivare noie con gli altri condomini. Devi prestare la massima attenzione a ciò che fai e quando ci sono grandi mobili da spostare non puoi fare diversamente: hai bisogno dell’aiuto di persone esperte, capaci di operare con la giusta attrezzatura. Sei d’accordo?

Valutazione

Lascia un commento

Richiedi preventivo