Devi traslocare? Sei nel posto giusto!

Richiedi un preventivo personalizzato a professionisti del settore

Giorno prima del trasloco: cosa fare?

Il giorno prima del trasloco è un momento decisivo per far sì che tutto vada nel modo giusto. Sai cosa cosa significa questo? Sarà importante mantenere la calma, questo è un passaggio decisivo per la tua vita. Anzi, si può dire che è un vero e proprio stress da affrontare con impegno e serenità. Ti sembra un’esagerazione? Forse ancora non hai fatto un trasloco e non sai cosa succederà.

giorno prima del trasloco

Tutti avranno bisogno di tempo, spazio, attenzione. Le persone devono essere gestite in modo diverso: c’è chi si occupa dei pacchi e ha bisogno di maggiori informazioni su come imballare i piatti, i bicchieri e tutti gli oggetti delicati. Senza dimenticare che traslocare con un animale domestico può essere ancora più difficile. Perché devi prendere in considerazione le esigenze dei tuoi cuccioli.

Insomma, tutto questo può diventare un problema da affrontare. Stress, ansia, un po’ di tristezza, distrazioni: tutto questo crea un mix che può rendere difficile le operazioni di trasferimento. E allora, ecco che il giorno prima del trasloco puoi fare molto per rendere ogni passaggio più semplice. Da dove iniziare? Ecco cosa devi sapere per organizzare il tuo trasloco piccolo o grande.

Da leggere: tutte le spese da affrontare per il trasloco

Ognuno ha il suo compito e tutti sanno cosa fare

Il giorno prima del trasloco è il momento giusto per fare un ripasso. I figli verranno accompagnati dai nonni o dagli zii, il cane va in macchina con i bambini… Meglio avere ben chiaro il ruolo di tutti i componenti della famiglia per sistemare le fasi più concitate. E per limitare i possibili stress emotivi: per molti il trasloco è un vero e proprio trauma, ed è giusto accogliere le richieste dei più sensibili.

Avvisa le persone giuste prima di andare via

Ad esempio i vicini di casa, o magari quelli che hanno condiviso il piano con il tuo ufficio. E non dimenticare di salutare il portiere. Insomma, il giorno prima del trasloco è la fase da dedicare alle pratiche del congedo: ritagliati un momento per i saluti.

Controlla tutti i pacchi, assicurati che siano pronti

Cosa significa questo? Molto semplice, il pacco che contiene la merce deve essere in condizioni perfette. Il giorno del trasloco non devi perdere tempo con questo passaggio: tutto deve essere nelle confezioni, le quali sono già sigillate e con etichette per riconoscere cosa c’è dentro. E dove deve essere depositato. A questo punto puoi organizzare già la logistica dei pacchi.

organizzare pacchi

Questo significa che puoi sistemare gli involucri già in modo da semplificare le operazioni di carico. Se sai, ad esempio, che verranno organizzati prima i pacchi grandi puoi muovere i colli in questione verso la zona d’uscita. Ad esempio la finestra che ospiterà la pedana elevatrice. O magari la porta. Non è un trasloco fai da te? In questi casi è indispensabile comunicare con chi si occuperà del trasporto.

Verifica tutto prima di lasciare la casa

Che succede se lasci l’appartamento e ti rendi conto che hai dimenticato qualcosa di importante? Puoi recuperarla in seguito, ma è sempre meglio controllare. Il giorno prima del trasloco deve essere un momento per fare un riepilogo. Lista alla mano, controlla che tutto sia stato inserito nel modo e nel posto giusto. In sicurezza e occupando il minor spazio possibile.

Una piccola checklist da obliterare prima di passare alla nuova dimora: controlla acqua, gas, energia elettrica. Tutto deve essere lasciato chiuso e spento, staccato. In modo tale che la casa sia inattiva. Svuota il frigorifero, sbrina il freezer. Chiudi ogni porta e finestra. Ovviamente tutto questo sarà messo in atto il giorno successivo, prima di lasciare casa. Ma verifica prima tutti i punti.

Passa nella tua nuova dimora

Ok, il giorno è arrivato. Ma prima di lasciare la tua casa o l’ufficio dai uno sguardo allo spazio che ti accoglierà: è tutto pronto? Hai le chiavi? Funzionano? Gli spazi sono disponibili e il portiere è stato avvisato? Insomma, devi essere in grado poter arrivare a destinazione nel miglior modo possibile. Tutto questo vale anche se devi operare con un deposito mobili per privati.

Perché tutto questo? Non sempre la casa di destinazione è pronta nel momento in cui devi fare il trasloco, quindi tutti gli accertamenti si spostano verso l’area che ospiterà i mobili e la sistemazione d’emergenza. In ogni caso una verifica è d’obbligo.

Saluta la casa con la famiglia (o l’ufficio con i colleghi)

Hai già organizzato tutto? Sai come smaltire i mobili vecchi dopo il trasloco? Hai avvisato il portiere per sbrigare le ultime faccende? Perfetto, forse l’ultima cosa da fare è salutare la vecchia casa. Concediti un attimo con la tua famiglia per congedarti.

Lo stesso vale per un ufficio: puoi organizzare qualcosa con le persone che hanno condiviso lo spazio con te. Magari una cena, un discorso, un pensiero. Non sottovalutare mai il potere terapeutico di una fase simbolica e condivisa prima di traslocare.

Scegli un’azienda trasporti adatta al caso

Un punto che deve essere sempre chiaro in queste occasioni: l’aiuto di un professionista specializzato può darti un contributo in più per evitare problemi. Soprattutto il giorno prima del trasloco, quando tutto diventa più difficile e confuso. Sai già che ci saranno delle persone competenti per supportare i punti più complessi. E per svolgere le attività più faticose come il trasloco di un pianoforte o di una cucina.

trasloco

Puoi ottimizzare ogni passaggio, ma senza il contributo di un team di professionisti è difficile avere tutto sotto controllo. Ed è più semplice ritrovarsi con qualche scatola che non si trova, piatti rotti, mobili rovinati. E tutto questo non è un bene, soprattutto quando il trasferimento diventa uno stress. Hai già scelto la tua azienda per traslochi a Roma? Mandaci un’email per eventuali informazioni.

Giorno prima del trasloco: la tua esperienza

Sarebbe interessante raccogliere il tuo punto di vista, ciò che ha reso speciale o impossibile il trasferimento. E il passaggio verso una nuova casa, per abbandonare un appartamento più piccolo. O viceversa. Senza dimenticare chi ha cambiato ufficio, luogo di lavoro. Insomma, se vuoi lasciare ciò che hai affrontato durante la tua attività puoi scrivere un commento. Lo pubblicheremo con piacere.

Giorno prima del trasloco: cosa fare?
5 (100%) 16 vote[s]

Lascia un commento

Richiedi preventivo