Devi traslocare? Sei nel posto giusto!

Richiedi un preventivo personalizzato a professionisti del settore

Come fare un trasloco aziendale?

Il trasloco aziendale non è un momento semplice per la tua attività. Ma spesso non c’è altra soluzione: devi cambiare sede e i motivi possono essere differenti. Ad esempio stai crescendo e hai bisogno di un ufficio più grande. Oppure vuoi trasferirti in una zona centrale, dove è più facile accogliere i clienti. In ogni caso può esserci una motivazione strategica molto importante dietro il trasferimento.

trasloco aziendale

Non è solo un vezzo, un motivo estetico che ti spinge a organizzare un trasloco aziendale. Ecco perché ogni dettaglio deve essere curato con la massima attenzione. Questo vale anche quando vuoi fare un lavoro specifico per la tua abitazione, è chiaro: la professionalità di un trasloco non dipende da questo. Ma è lampante che le aziende hanno esigenze specifiche che non possono andare in secondo piano.

Ecco perché è giusto dare una serie di delucidazioni rispetto al trasloco aziendale. Quali sono i passaggi più importanti per ottenere un buon risultato? Chi devi contattare per organizzare le operazioni necessarie per avere un lavoro rapido e senza intoppi? Puoi addirittura pensare di fare un trasloco fai da te quando non si tratta della tua abitazione ma di una sede aziendale? Ecco le risposte.

Da leggere: come scegliere scatole di qualità per il trasloco

Definisci i tempi con massima precisione

Ok, questo è un punto che deve essere definito sempre con grande attenzione. Anche per un trasferimento in casa c’è bisogno di massima velocità di esecuzione, pur rispettando le norme per traslocare in sicurezza, ma le aziende hanno delle necessità ben chiare. Ad esempio quella di tornare subito operative. Perdere un solo giorno in più per passaggi burocratici e impedimenti logistici è un problema.

I clienti hanno bisogno della presenza di una sede, i fornitori cercano l’ufficio. Quindi prima di iniziare un buon lavoro di trasloco aziendale conviene pianificare in anticipo le attività, stabilire un giorno e avvisare le persone che ruotano intorno alla sede per fare in modo che non ci siano intoppi. Bisogna anticipare e posticipare il lavoro, e poi assicurarsi che il trasloco duri il meno possibile.

Il giorno giusto per effettuare il trasloco

Avere una lista delle cose da fare prima del trasferimento è importante, ma non è la soluzione a tutto. Devi essere strategico nelle scelte, ecco perché una delle fasi più importanti del trasloco aziendale è quella che ti consente di stabilire una data specifica.

Prima ancora, devi capire cosa portare con te buttando quello che non servirà nella nuova sede. Avere un servizio smaltimento mobili in quest’occasione può far comodo in modo da ridurre la merce da trasportare in sede e i tempi necessari. Tempi che devono essere racchiusi in una combinazione virtuosa. La quale, normalmente, richiederebbe un impegno minimo dell’azienda.

Ad esempio il fine settimana: avere la possibilità di fare un trasloco aziendale quando l’ufficio sarebbe chiuso può essere una buona soluzione. In linea di massima è una scelta condivisa iniziare il trasloco venerdì, quando le sedi chiudono, e continuare il sabato e la domenica.

Cosa fare se l’ufficio non è ancora pronto?

Questa è una delle opzioni comuni: devi lasciare la base operativa ma la nuova non è ancora pronta. Magari ci vuole solo qualche giorno per organizzare il tutto. Per questo è importante selezionare servizi di custodia mobili e suppellettili per avere un punto di riferimento sempre sorvegliato. In questo modo puoi uscire dal vecchio ufficio nei tempi previsti e aspettare la nuova sede con comodo.

Hai individuato un responsabile operativo?

Ci sono mille combinazioni per il trasloco aziendale. Ci sono uffici che devono trasferire solo computer e scrivanie, altre che hanno bisogno di spostare database con server e attrezzature delicate. Magari, in qualche caso, possono esserci dei macchinari di precisione o altre soluzioni che di solito non vengono maneggiate da chiunque. Per questo puoi chiamare un’azienda specializzata in traslochi, ma non basta. Adesso devi procedere con il contributo di un responsabile operativo. Ovvero?

come fare un trasloco aziendale

Una persona con le conoscenze e le competenze necessarie per guidare gli operai del trasloco nelle operazioni di smontaggio, trasporto e rimontaggio di postazioni operative, mobili, macchine, computer e schedari. Verificando che il materiale sottoposto a privacy venga trasportato con la giusta attenzione. Senza dimenticare la necessità di ridurre le probabilità di danneggiare qualcosa.

In ogni caso all’attività dovrà partecipare una squadra ben organizzata per gestire al meglio i pacchi e gli imballaggi. Imbottire bene le scatole è il primo punto per evitare danni ma c’è bisogno anche di furgoni, basi idrauliche per portare la merce al piano con semplicità e senza affrontare lunghe scale a piedi con grandi pesi sulle spalle. Lavorare in modo comodo e ben organizzato è importante.

Da leggere: gestire i mobili durante le operazioni

Come organizzare un trasloco aziendale

La verità è semplice da inquadrare: se la tua sede è piccola e poco impegnativa, senza particolari attrezzature, può essere affrontata come una qualsiasi abitazione. E su questo punto abbiamo già pubblicato diverse guide. Basta dare uno sguardo al nostro blog, trovi praticamente tutto. Ma per un trasloco aziendale che implica il trasferimento di attrezzi pesanti, come macchine di lavorazione?

C’è bisogno di un’azienda professionale che sia in grado di gestire il passaggio con le cure possibili. Smontaggio e rimontaggio degli elementi che fanno parte della tua impresa dovrebbero essere dei passaggi seguiti da chi ha prodotto e venduto le macchine, per avere tutto in completa sicurezza. Per il resto il trasloco di una sede aziendale può essere affrontato da chi lo fa per lavoro ogni giorno.

Valutazione

Lascia un commento

Richiedi preventivo